Crea sito

Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5
L'abbazia di Montecassino/ The Abbey of Montecassino
La Cripta di Anagni/ the Crypt of Anagni
Il chiostro dell'abbazia cistercense di Casamari/ the cloister of the Cistercian Abbey of Casamari
Gaeta ed il suo mare/ Gaeta and the coast
Il giardino della Certosa di Trisulti/The garden of the Carthusian Monastery of Trisulti

Dott.ssa ANNA MARIA PRIORA

djGuide Turistiche Abilitate per le Province di Frosinone e Latina. ....................................... Licensed Tourist Guides for Montecassino and its surroundings. ....................................... Cell/mobile+39.328.1965002 www.facebook.com/anna.priora annamaria.priora@gmail.com

cell/mobile +39 328 1965002

mail: annamaria.priora@gmail.com

Get Adobe Flash player

SP Simple Youtube

Contatta le Guide!!!

Inviate un elenco delle località che volete visitare, indicate anche il numero di giorni a vostra disposizione. Esigenze particolari (es gruppo di persone anziane, bambini ecc). Indicate anche il vostro NOME e numero di TELEFONO. Tutti questi dati verranno utilizzati al solo scopo di potervi ricontattare secondo le nuove leggi sulla privacy GDPR Ue 2016/679. Scrivete il VOSTRO indirizzo Email nel formato xxxxx@yyyyy.xy
Email:
Descrizione dell'itinerario, giorni a disposizione, esigenze ecc (obbligatoria):

Inviami una copia per email
Una volta scritto il vostro indirizzo EMAIL e la descrizione dell'itinerario, cliccate su SUBMIT per inviarlo. Le Guide Turistiche la ricontatteranno nel più breve tempo possibile!

Facebook FanBox

Premessa

Per “Guide turistiche Frosinone “di Priora Anna Maria, i dati personali rappresentano un patrimonio di grande valore ed un bene da tutelare, adottando procedure e comportamenti atti a garantirne la salvaguardia. La trasparenza nei confronti degli interessati rappresenta pertanto un obiettivo primario, perseguito tramite strumenti di comunicazione efficaci e finalizzati a rendere disponibili agli interlocutori le informazioni di base sul trattamento dei loro dati.

Informazioni di carattere generale

Si informano gli interessati (ex. Art.4, c.1 del GDPR) dei seguenti profili generali, validi per tutti gli ambiti del trattamento:

  • tutti i dati sono trattati in modo lecito, corretto e trasparente nei confronti dell'interessato, nel rispetto dei principi generali previsti dall'Art.5 del GDPR;

  • specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti, o non corretti ed accessi non autorizzati.

  • Nelle pagine internet gestite da Guide Turistiche Frosinone, sono presenti vari collegamenti ad altri siti internet (link) gestiti da altri soggetti. Guide Turistiche Frosinone non è responsabile delle pratiche sulla privacy adottate da tali siti/soggetti. Consigliamo quindi di leggere le loro dichiarazioni sulla privacy, che potrebbero essere diverse dalla nostra.

  • Guide Turistiche Frosinone assicura lo svolgimento delle proprie attività (visite guidate) ricorrendo solo a professionisti interni a cui chiediamo la massima riservatezza e discrezione nell'uso delle informazioni di cui vengono a conoscenza. Le informazioni vengono utilizzate esclusivamente per conto di Guide Turistiche Frosinone. Va tenuto presente che in certi casi può essere necessario che Guide Turistiche Frosinone comunichi le informazioni personali a pubblici ufficiali o altro personale istituzionale come conseguenza di normali obblighi giuridici.

Riferimenti e diritti degli interessati

  • il Titolare del Trattamento è Priora Anna Maria;

  • Anna Maria Priora è Responsabile della Protezione dei Dati/Data Protection Officer, al quale è possibile rivolgersi per esercitare tutti i diritti previsti dagli art.15-21 del GDPR (diritto di accesso, di rettifica, di cancellazione, di limitazione, di portabilità, di opposizione), nonché revocare un consenso precedentemente accordato; in caso di mancato riscontro alle loro richieste gli interessati possono proporre un reclamo all'Autorità di controllo per la protezione dei dati personali (GDPR - Art.13, comma2, lettera d).

Dati di contatto

Via Appia 82 03043 Cassino
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Trattamento dati connessi al funzionamento del presente sito

1.1 Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente.

Finalità e base giuridica del trattamento
(GDPR-Art.13, comma 1, lett.c)

Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero inoltre essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito (legittimi interessi del titolare).

Ambito di comunicazione
(GDPR-Art.13, comma 1, lett.e,f)

I dati possono essere trattati esclusivamente da personale interno, regolarmente autorizzato ed istruito al trattamento (GDPR-Art.29) oppure da eventuali soggetti preposti alla manutenzione della piattaforma web (nominati in tal caso responsabili esterni) e non saranno comunicati ad altri soggetti, diffusi o trasferiti in paesi extra-UE. Solamente in caso di indagine potranno essere messi a disposizione delle autorità competenti.

Periodo di conservazione dei dati
(GDPR-Art.13, comma 2, lett.a)

I dati sono di norma conservati per brevi periodi di tempo, ad eccezione di eventuali prolungamenti connessi ad attività di indagine.

Conferimento
(GDPR-Art.13, comma 2, lett.a)

I dati non sono conferiti dall'interessato ma acquisiti automaticamente dai sistemi tecnologici del sito.

1.2 Cookies

In alcuni casi ricorre all'uso di cookie. Un cookie è un file di testo univoco che può essere inviato al vostro browser da un sito Web. Il server di Guide Turistiche Frosinone utilizza il meccanismo dei 'cookies' per memorizzare sul client del visitatore un'informazione temporanea con lo scopo di evitare di ripetere la procedura di accesso ad ogni richiesta di servizi riservati agli utenti.

Cookie di terze parti. In alcuni casi i siti web di Guide Turistiche Frosinone espongono banner provenienti da servizi di terze parti. Questi banner possono utilizzare cookie anche per eventuali fini di profilazione degli utenti che accedono ai siti web, informazioni che comunque sono estranee all'utilizzo da parte del Titolare.
Allo stesso modo, alcuni elementi di collegamento con Social Network possono utilizzare cookies: anche in questo caso le eventuali informazioni gestite da questi cookies non vengono in alcun modo a conoscenza del Titolare.
Le pagine dei siti web di Guide Turistiche Frosinone utilizano il servzio di Google Analytics per ottenere dati statistici aggregati sul traffico generato dai visitatori. E' libera facoltà dell'utente decidere di non consentire la memorizzazione dei dati relativi alle propri visite utilizzando le funzioni di disattivazione che Google mette a disposizione.

1.3 Iscrizione newsletter

Guide Turistiche Frosinone può fornire un servizio newsletter, che da agli interessati informazioni utili riferite agli argomenti trattati.

Finalità e base giuridica del trattamento
(GDPR-Art.13, comma 1, lett.c)

Viene richiesto esclusivamente l'indirizzo email, al solo fine di inviare la newsletter. L'iscrizione è subordinata all'accettazione di specifico, libero ed informato consenso (GDPR-Art.6, comma1, lett.a)

Ambito di comunicazione
(GDPR-Art.13, comma 1, lett.e,f)

I dati sono trattati esclusivamente da personale regolarmente autorizzato ed istruito al trattamento (GDPR-Art.29) oppure da eventuali soggetti preposti alla manutenzione della piattaforma web o all'invio delle newsletter (nominati in tal caso responsabili esterni). I dati non saranno diffusi o trasferiti in paesi extra-UE.

Periodo di conservazione dei dati
(GDPR-Art.13, comma 2, lett.a)

I dati sono conservati fino all'eventuale "dis-iscrizione", liberamente effettuabile in qualsiasi momento attraverso il link contenuto in calce ad ogni messaggio inviato.

Conferimento
(GDPR-Art.13, comma 2, lett.f)

Il mancato conferimento dell'indirizzo email e del consenso comporterà l'impossibilità di ottenere il servizio newsletter.

1.4 Dati forniti volontariamente dall'utente

L'invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica e/o ordinaria agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell'indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Qualora il mittente inviasse il proprio curriculum per sottoporre la propria candidatura professionale, esso rimane l'unico responsabile della pertinenza ed esattezza dei dati inviati. Si segnala che eventuali curriculum sprovvisti dell'autorizzazione al trattamento dei dati saranno immediatamente cancellati.
Va ricordato che le informazioni inviate in un gruppo di discussione o in un forum saranno considerate come informazioni pubbliche e non riservate. In questo tipo di comunicazione vi è la possibilità che tali informazioni vengano rilevate e utilizzate da altri. Vi preghiamo quindi di prestare attenzione nel corso delle sessioni in linea.

Aggiornamento delle policy

Si segnala che la presente informativa può essere oggetto di revisione periodica, anche in relazione alla normativa ed alla giurisprudenza di riferimento. In caso di variazioni significative verrà data, per un tempo congruo, opportuna evidenza in home-page del sito. Si invita comunque l'interessato a consultare periodicamente la presente policy.

 

Costruito negli anni 60 grazie ai finanziamenti della Cassa del Mezzogiorno, nella zona che poi si scoprì essere il luogo dove si trovava una struttura urbana, poi inglobata nella costruzione.... La prima sala vo tiene la sezione pre- e protostorica del museo  frutto di ritrovamenti luoghi limitrofi a cassino e bella zona dell'anfiteatro. Questi luoghi sono i santuari di Pietra Panetta, Santa Scolastica, e Aquino, databile all'età del ferro, oppure i materiali del sepolcro vicino al l'anfiteatro, quelli della città di Satricum e della necropoli di Omini Morti. Il sepolcro vicino al l'anfiteatro è datati tra la fine dell'VIII ed inizio del V secolo

Appartamento nuovo:
La sala di Martee' la prima delle anticamere del cosidetto Appartamento nuovo, e veniva utilizzato per ricevere i nobili titolati. Fu realizzata nel periodo Murattiano che affido' il progetto all'architetto Antonio de Simone chiedendogli di celebrare le virtu' militari francesi, cosi capaci da aver conquistato Napoli. L'affresco della volta si deve ad Antonio Calliano ed e' stato realizzato  nel 1815 ed e' intitolato il trionfo di Achille protetto da marte, e la morte di Ettore.. . Le sovrapporte sono nuovamente ispirate alla guerra di Troia, mentre sul camino Valerio Villareale il siciliano, ha realizzato il bassorilievo di Forza, Prudenza e Fama. Sulle pareti corte invece campeggiano 2 Vittorie alate.  Il pavimento in marmo ( verdi antichi, alabastro, vitulano e bianco di Carrara) di manifattura napoletana e' stato realizzato nel 1815, decorato con un morivo  geometrico a stella al centro di un esagono inquadrato da una greca. Al centro del salone si trova una monumentale coppa in alabastro donata da Pio IX a re Ferdinando II per ringraziarlo di averlo  ospitato nel periodo della Repibblica Romana. La coppa e' di origine romana, mentre il piedistallo e' della prima meta dell'ottocento. Le consolles in marmo orientale sostengono un busto di Arianna, sposa di Dionisio, con incastonato un orologio, mentre sul piedistallo in legno con su rappresentati animali, trofei, strumenti musicali ecc.. Questo busto arrivo' a Caserta da Roma nel 1852, con un diadema di bronzo ed una campana di vetro andati purtroppo persi. Completano l'arredamento un vaso in porcellana con manico in bronzo dorato, 4 candelabri in bronzo, e 8 sgabelli a faldistorio in legno intagliato.

La sala di Astrea era dedicata agli Ambasciatori e sulla volta si trova l'affresco del francese Jacques Berger che raffigura Astrea, mitica dea della giustizia che affianca la Verita' e l'Innocenza, mentre scaccia la Prepotenza, l'Ignoranza e l'Errore. Secondo la tradizione per le fattezze di Astrea l'autore si ispiro alla Regina Carolina Bonaparte moglie di Murat. Astrea vien di nuovo rappresentata in tutti i bassorilievi dorati della volta, ma soprattutto  nei due grandi gruppi di altorilievi in stucco dorato delle pareti brevi. Verso la sala del trono campeggia Rarione in mezzo a Stabilita' e Legistazione di Valerio Villareale, mentre di fronte verso la camera di Murat si trova Astrea tra Ercole e il Regno delle Due Sicilie. In questo secondo Altorilievo Ercole stringe in mano il giglio farnesiano, mentre il Regno delle 2 Sicilie ha come corona il cavallo turrito simbolo di Naoli e sullo scudo il simbolo della Trinacria. Astrea invece ha in mano una bilancia ed un pendoloche rappresentano la giustizia che governa il regno.

la Sala del Trono rimase per lungo tempo senza decorazioni, i lavori iniziati nel 1811 furono terminati solo in occasione del Congresso degli scienziati italiani nel 1845 per volere di Ferdinando II. E' lunga piu di 40 metri ed e' illuminata da 6 finestre, per far luccicare tutte le dorature che abbondano. Sulle pareti corte 2 bassorilievi in stucco dorato opera ti Tito Angelini e Tommaso Arnaud e raffigurante la Fama ( la figura femminile dietro il trono riporta la scritta FII ferdinando II e MT Maria Teresa e la dicitura Ferdinando II nell'anno Xv suo regno fece compiere questa sala), mentre lungo le pareti lunghe si trovano pilastri corinzi, con capiletti e sovrapporte  con simboli borbonici e onorificenze del Regno. Lungo l'architrave che corre tutto lungo la sala  ci sono i ritratti di 40 re di Napoli da Ruggero il Normanno a Ferdinando II di Borbone, mentre al centro della volta si trova un magnifico affresco del napoletano Gennaro Maldarelli intitolato La posa della prima pietra del Palazzo il 20 Gennaio 1752, e tutto intorno i dodici stemmi con i nomi delle Province del Regno delle Due Sicilie. Sul fondo della sala si trova  il trono in velluto celeste , in legno intagliato e dirato con ai braccioli 2leoni alati e 2 sirene simbolo di Napoli. A giudicare dalla base in legno nero potrebbe essere un trono da barca utilizzato da Ferdinando dopo la Restaurazione

La Sala del Consiglio fu completata nell'ottocento ed e' molto piccola se paragonata a quella del trono. La volta ha un affresco di Giuseppe Cammarano  Pallade che premia le Arti e le Scenze per mezzo del Genio della Gloria. Sulle pareti invece 3 tele ottocentesche realizzate da importanti artisti dell'Accademia Napoletana Abramo che scaccia Agar e Ismaele alla presenza di Sara e Isacco, di Raffaele Postiglione La zingara che predice a Felice Peretti l'ascesa al Pontificato (futuro Sisto V) di Tommaso de Vivo e Cornelia medre dei Gracchi di Francesco Oliva. I busti nella sala del Consiglio rappresentano Francesco I e sua moglie Maria Isabella, mentre le consoles in legno dorato, i candelabri in bronzo con base in marmo i lampadari, le specchiere il camino in marmo di Santangiolo, ed il tavolo in stile neobarocco di Raffaele Giovine completano l'arredamento. Sul tavolo medaglioni di porcellana, davanti alla specchiera un vaso dorato ed ornato con puttini alati e foglie di acanto

Lo scalone
Di fronte allo scalone  si trova una delle statue antiche piu famose , Ercole a Riposo altro 3 metri che proviene dalle terme di Caracalla e che e' appartenuto alla Collezione Farnese  arrivato a Napoli nel 1766 insieme al piu famoso Ercole Gricone che e' oggi al Musero Archeologico di Napoli. Lo scalone d'onore  e' costituito da una larga rampa centrale  con sulla sommita' 2 grandi leoni in marmo di Paolo Persico e Tommaso Solari,  che simboleggianola forza della ragione  e quella delle armi che assicurano al re il dominio sui suoi territori.  Sulla sommita'  si aprono tre nicchie che ospitano 3 grandi sculture, che dovevano essere in marmo ma sono rimaste in gesso. La statua centrale rapresenta la Maeta' Regia (Carlo di Borbone)  con mantello e corona che ferma con una mano un leone e con l'altra impugna uno scettro con sulla sommita' un occhio aperto simbolo del re 'che conosce cio' che comanda' Nelle nicchie la terali  ci sono il Merito, di Andrea Violani e la Verita' di Gaetano Salomone, personificazioni delle qualita' richieste al Sovrano. Il Merito e' un giovane coronato di alloro che stringe in mano un libro ed una spada rinfoderata, intento a scalare macigni, metafra delle difficolta' da superare, La Vertita' e' una donna che porta in mano un sole splendente e poggia i piedi sul mondo per indicare il trionfo che e' sempre certo.

Il Vestibolo
Dallo Scalone si passa al Vestibolo superiore a pianta ottagonale, illuminato da 4 finestroni che danno sui cortili della reggia. La volta e' stata affrescata dal pittore Tardo Barocco Girolamo Starace Franchis  che raffiguro' la Reggia di Apollo, con il dio seduto su una nuvola tra Mercurio , Minerva e le Muse, ai suoi piedi le allegorie delle Arti e la gloria alata che caccia via il Tempo con la falce, intorno all'affresco centrale le 4 stagioni rappresentate nei medaglioni. La cornica nascondava una volta  i musicisti che accompagnavano l'entrata degli ospiti a corte, grazie alla perfetta acustica del luogo.

La Cappella Palatina
Chiaramente ispirata alla Cappella della Reggia di Versailles  fu consacrata nwl 1784, a unica navata a pianta rettangolare  con pavimenti in marmo policromo e' coperta con bolta a botte a cassettoni lignei. A destra dell'ingresso  una scala circolare porta alla Tribuna Reale da cui i Sovrani assistevano alle  celebrazioni, ad alle logge per Cavalieri e Dame. mentre sul fondo due cappelle laterali portano alle Sacrestie.  Las navata termina con un'abside decorata con pavimento in cotto decirato ad Encauso, 9colori sciolti nella cera ed applicati a caldo) che ospitava l'altare maggiore  incorniciato da due coppie di colonne scanalate. L'altare in stucco e' uguale a quelo previsto in marmo, mai realizzato, cosi come il tabernacolo previsto in pietre dure ed invece ora visibile in legno. Sull'altare campeggia l'immacolata Concezione di Giuseppe Bonito, unica superstite tra  le tele commissionate per decorare la cappella. Quasi tutto fu distrutto dal bombardamento anglo-americano del 27 settembre 1943. Alcune colonne danneggiate ricordano quell'evento.