Crea sito

Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5
L'abbazia di Montecassino/ The Abbey of Montecassino
La Cripta di Anagni/ the Crypt of Anagni
Il chiostro dell'abbazia cistercense di Casamari/ the cloister of the Cistercian Abbey of Casamari
Gaeta ed il suo mare/ Gaeta and the coast
Il giardino della Certosa di Trisulti/The garden of the Carthusian Monastery of Trisulti

Dott.ssa ANNA MARIA PRIORA

djGuide Turistiche Abilitate per le Province di Frosinone e Latina. ....................................... Licensed Tourist Guides for Montecassino and its surroundings. ....................................... Cell/mobile+39.328.1965002 www.facebook.com/anna.priora annamaria.priora@gmail.com

cell/mobile +39 328 1965002

mail: annamaria.priora@gmail.com

Get Adobe Flash player

SP Simple Youtube

Contatta le Guide!!!

Inviate un elenco delle località che volete visitare, indicate anche il numero di giorni a vostra disposizione. Esigenze particolari (es gruppo di persone anziane, bambini ecc). Indicate anche il vostro NOME e numero di TELEFONO. Tutti questi dati verranno utilizzati al solo scopo di potervi ricontattare secondo le nuove leggi sulla privacy GDPR Ue 2016/679. Scrivete il VOSTRO indirizzo Email nel formato xxxxx@yyyyy.xy
Email:
Descrizione dell'itinerario, giorni a disposizione, esigenze ecc (obbligatoria):

Inviami una copia per email
Una volta scritto il vostro indirizzo EMAIL e la descrizione dell'itinerario, cliccate su SUBMIT per inviarlo. Le Guide Turistiche la ricontatteranno nel più breve tempo possibile!

Facebook FanBox

Quando nelle vesti della guida turistica di Trisulti  accompagno i gruppi alla Certosa, mi rendo conto che spesso le persone pensano a questi religiosi semplicemente come dei monaci tutti uguali. Invece la cosa è molto più complicata. Essere Padre vuol dire diventare monaco del chiostro e quindi vivere la solitudine nel modo più estremo. Vero e proprio eremita a servizio di Dio che vive in una comunità monastica, colui che si prepara a diventare Padre, seguirà come un fratello le tappe della vita che vengono riassunte nelle seguenti: postulante, novizio, vestizione definitiva ed ordinazione sacerdotale.

Il noviziato inizia dopo che la comunità a votato a favore dell'entrata del nuovo aspirante, esso riceve l'abito ed è ammesso nella comunità. La comunità lo conduce in processione al suo eremitaggio dove il Priore lo affida al Padre dei novizi. Comincia cosi il noviziato, un tempo di prova lungo 2aa, in cui sia il novizio che la comunità si riservano il diritto in ogni momento di mettere fine al periodo di prova, se appare evidente che il novizio non è adatto a questa vita solitaria.
Per la prima professione, seguita ad un voto deliberativo della comunità, il novizio si impegna per 3 anni a pronunciare i voti monastici.Depone la cappa nera che portava fino a quel giorno e riceve la grande cocolla bianca e diviene membro dell'Ordine. 

Questo suo primo periodo dura 3 anni, e se tutto va bene, la comunità emette di nuovo un voto deliberativo che permette di rinnovare i volti per altri 2anni. In questo momento il giovane lascia il periodo di noviziato, entra nel gruppo dei grandi professioni di fede e viene piano piano introdotto ad una solitudine piu grande. Alla fine di questi ulteriori 2 anni, e dopo il quarto voto della comunità monastica a suo favore , il monaco pronuncia i suoi voti solenni e definitivi per tutta la vita.
Solo i Padri, i monaci solitari, sono destinati a servire Dio sull'altare e la loro ordinazione sacerdotale avviene generalmente due o tre anni dopo la loro professione solenne. La loro preparazione consiste in insegnamenti filosofiche teologici appropriati, simili a quelli impartiti in seminario, ma adattati alla vita solitaria con meno corsi da seguire.. Una volta ordinati sacerdote il Certosino esercita il suo ministero sacerdotale eucaristico, anche se non fa servizio parrocchiale o similare.

Al termine di una vita di solito molto lunga, il monaco si prepara più intensamente alla morte, che resta per lui un mistero come per tutti gli altri., ma che lui finisce per desiderare più ardentemente degli altri, come ultimo tassello per unirsi a Dio. Il suo corpo viene messo su una semplice tavola e sepolto a terra, la stessa terra da cui è venuto, e dove ritorna, aspettando la resurrezione della carne, promessa da Dio alla fine del mondo.
In passato anche i monaci certosini erano copisti, ma a differenza degli altri non siedevano nello Scriptorium ma nel silenzio del proprio eremo. I fratelli preparavano le pelli, ma i padri le levigavano e scrivevano. Nei Certosini la presenza dei fratelli è sinonimo di completezza monastica. Sebbene le attività siano a loro carico, i fratelli sono innanzitutto monaci contemplativi come i Padri, ma hanno semplicemente deciso di rispondere in modo diverso alla loro vocazione , associando il lavoro manuale all'esercizio spirituale. Al termine delle tappe previste per diventare certosini i fratelli pronunceranno i voti semplici.