Crea sito

Quasi 2 anni fa su un giornale di larga diffusione, l'Abate di Montecassino Dom Donato Ogliari, senti' la necessita' di spiegare ai lettori che il mondo benedettino non e' un blocco solido come un granito, ma e' un mondo monastico molto variegato. Mi sono resa conto pure io, durante il mio lavoro di Guida Turistica  che il 99% dei visitatori considera i Benedettini  come un'unica tipologia di monaci e che a capo di questo mondo cosi' uniforme, c'e' secondo loro, Montecassino con il suo Abate.
SBAGLIATO! anzi SBAGLIATISSIMO!
Forse a questo mondo non vi e' nulla di piu' complicato che l'universo Benedettino visto che in circa 1500 anni di storia non sono mancati i cambiamenti, le rivoluzioni, e le riforme. Ma bando alle ciancie, come diceva mia nonna. Prendete carta e penna e cerchiamo di tracciare una mappa semplice ma efficace dell'universo benedettino.
Nel 1880 in occasione del XIV centenario della nascita di  San Benedetto proprio nell'abbazia di Montecassino nasceva l'idea di creare una confederazione benedettina con una scuola di preparazione unica, che Papa Leone XIII  individuo' nel restaurato collegio di sant'Anselmo. Dopo una serie di colloqui, lo stesso Papa con il breve Summum semper del 1893 istituiva la confederazione benedettina, una unione di tutte le congregazioni monastiche che seguivano la regola , ma che comunque volevano rimanere autonome. Nel momento della nascita della confederazione, le congregazioni benedettine  erano 13, tra cui la congregazione Cassinese e quella Sublacense. Sono poi aumentate di numero fino ad arrivare a 19, anche se per esempio le due ultime congregazioni appena citate, si sono fuse a creare la Congregazione Cassinese Sublacense. Esse vengono comunemente divise in due tipologie: quelle create su base geografica (per esempio la Congregatio Hungarica, o la Congregatio Helvetica) e quelle create sulla base della diversa osservanza (come la Congregatio Santae Mariae Montis Oliveti o la Congregatio Vallis Umbrosae). Queste ultime congregazioni  sono naturalmente sul territorio italiano, ma sono di osservanza lievemente diversa, perche' sebbene seguano la Regola di San Benedetto, seguono le linee guida dei loro santi fondatori, e si sono uniti alla confederazione nel corso del tempo, per esempio gli Olivetani  nel 1960, i Vallombrosani  ed i Camaldolesi nel 1966 ed i Silvestrini solo nel 1973.
Ma una confederazione ha necessita' di una guida, individuata nella figura dell'Abate Primate, con sede a Sant Anselmo, che quindi oltre ad essere il seminario comune per tutti i monaci, e' diventato anche il luogo dell'Abbazia Primaziale, dove cioe' risiede la curia dell'Abate Primate. L'Abate viene nominato dal Congresso degli Abati, cioe' dai superiori dei monasteri di tutto il mondo e dura in carica 8 anni ma puo' essere riconfermato per ulteriori 4 anni. Attualmente l'Abate primate in carica, votato nel 2016  e' il Rev.mo Gregory Polan, monaco Americano. L'Abate di Montecassino quindi, ha solo una importanza onorifica, essendo la guida del monastero benedettino piu' famoso al mondo e dove riposano i resti di San Benedetto (Anche se l'Abbazia di Fleury la pensa diversamente leggi qui il mio articolo su questo argomento), partecipa come gli altri Abati alle riunioni interne alla Confederazione , ma non ha un potere particolare all'interno di questo ordinamento.
Ma in tutto questo i Cistercensi dove si collocano? I cistercensi non fanno parte della Congregazione Benedettina, ma hanno un loro Ordine specifico, suddiviso a sua volta in 25 congregazioni. Questo ordine  ha la propria sede centrale a Roma chiamata Casa Generalizia dell'Ordine Cistercense , dove risiede l'Abate Generale , in questo momento Dom Mauro Giuseppe Lepori, di origine svizzera. L'abate generale rimane a capo dell'ordine per 10 anni e puo' essere rieletto.
La grande famiglia benedettina ha visto nel corso della storia la nascita di nuove osservanze interne, la perdita di alcune di loro, divisioni, riunioni, cambiamenti, ma la Regola di San Benedetto li ha sempre uniti nella loro diversita'.... Molto simili ma cosi' diversi!
Seguitemi nelle mie visite guidate a Montecassino, Casamari, Fossanova e le altre grandi Abbazie e vi raccontero' ancora tante storie!